Sab 20 Aprile 2024

Conte: inaccettabile la prospettiva di un ridimensionamento dei fondi Ue

Notizie dal webConte: inaccettabile la prospettiva di un ridimensionamento dei fondi Ue

L’Austria e gli altri paesi che frenano hanno gioco facile a sfruttare la fama poco lusinghiera dell’Italia. Ma il presidente rassicura: consultazione nazionale con tutte le forze politiche, produttive e sociali, L’Italia non intende sprecare i soldi che arriveranno dall’Ue, non si tornerà alle cattive abitudini di un tempo, ma l’Europa non può fare marcia indietro sulla proposta di “Recovery fund” elaborata dalla Commissione. Il premier Giuseppe Conte prova a ribadire i paletti dell’Italia, di fronte all’offensiva dei Paesi “frugali” al Consiglio europeo. La prospettiva di un ridimensionamento dei fondi per aiutare i Paesi in crisi a causa del Coronavirus per palazzo Chigi è inaccettabile e il presidente del Consiglio lo dice chiaramente a margine di una riunione non facile. Sassoli: “Dalla proposta della Commissione per la ripresa non si torna indietro” I guardiani del rigore, guidati dall’Austria, chiedono che venga ridotta soprattutto la quota di finanziamenti a fondo perduto, da sottoporre comunque a rigidi controlli e condizioni, e di fatto cercano di smontare l’impianto definito dalla Commissione guidata da Ursula Von der Leyen. Un problema enorme per l’Italia, e infatti conte avverte che la proposta della Commissione «è equa e ben bilanciata. Sarebbe un grave errore scendere al disotto delle risorse finanziarie già indicate ». Risorse che, per l’Italia, dovrebbero ammontare a circa 170 miliardi, di cui quasi la metà a fondo perduto. Soldi indispensabili, che peraltro rischiano di arrivare troppo tardi. Coronavirus, Michel: “Altro Consiglio a metà luglio, essenziale decidere presto” Per questo il premier insiste: «La Commissione europea e la Bce non hanno mancato l’appuntamento con la Storia. Ora è il turno del Consiglio europeo di essere all’altezza della sfida e di dare un segnale politico forte ». Non serve un “compromesso”, ci vuole «una decisione politica ambiziosa». Merkel vuole il recovery fund: “Urgente per garantire coesione europea, la pandemia non può creare forti squilibri economici” Il governo sa che l’Austria e gli altri paesi che frenano hanno gioco facile a sfruttare la fama poco lusinghiera dell’Italia in materia di , Continua a leggere su: Lastampa.it

Tesla richiama quasi 4.000 Cybertruck: problema a pedale acceleratore

(Adnkronos) – Tesla sta richiamando 3.878 dei suoi Cybertruck a causa di un problema al pedale dell’acceleratore che potrebbe aumentare il rischio di incidenti,...

Caso Zuncheddu, “assolto per ragionevole dubbio su sua colpevolezza”

(Adnkronos) – Il processo di revisione “non ha condotto alla dimostrazione della certa ed indiscutibile estraneità di Beniamino Zuncheddu” alla strage di Sinnai...

Segui Corriere Flegreo su Google News

Questo sito contribuisce alla audience di "Magazine". Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Napoli al nr. 32 del 26.04-2005. Alcuni testi citati o immagini inserite sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore vogliate comunicarlo via e-mail all'indirizzo segnalazioni@corriereflegreo.it per provvedere alla conseguente rimozione o modificazione.

error: Il contenuto è protetto!!