Sab 25 Maggio 2024

Farmaco per l'osteoporosi potrebbe curare Covid in forma lieve / moderata

Notizie dal webFarmaco per l'osteoporosi potrebbe curare Covid in forma lieve / moderata

Il raloxifene appartiene al gruppo dei «modulatori selettivi dei recettori per gli estrogeni»: è già sul mercato ed è noto per il buon livello di sicurezza e tollerabilità, Raloxifene: un farmaco conosciuto, approvato (e commercializzato) in Europa per la cura dell’osteoporosi. Ma anche una possibile arma contro Sars-CoV-2. Appartiene al gruppo di farmaci definiti “modulatori selettivi dei recettori per gli estrogeni” (SERM, modulatori selettivi dei recettori estrogeni) e, nella cura dell’osteoporosi, presenta un livello elevato di sicurezza e tollerabilità. Il consorzio europeo “Exscalate4CoV”, che ne sta valutando la potenzialità terapeutica contro Sars-CoV-2, ha ribrevettato il farmaco per la nuova indicazione (uso universalistico) ed è pronto a produrlo in quantità massicce. In Italia non è stato testato sull’uomo contro Covid, per la scarsità di nuove infezioni, mentre l’autorità sanitaria della Corea del Sud ne avrebbe confermato l’efficacia su alcuni pazienti. Il consorzio pubblico-privato La valutazione delle potenzialità contro Covid del raloxifene è stata possibile grazie al lavoro del consorzio pubblico-privato “Exscalate4CoV”, supportato dal programma “Horizon 2020” dell’Unione Europea per la ricerca e l’innovazione, composto da 18 partner (tra cui l’Istituto Spallanzani di Roma) e guidato da Dompé farmaceutici. Ne fa parte anche il Cineca (consorzio interuniversitario italiano senza scopo di lucro), con il suo supercomputer Marconi. L’identificazione della molecola è avvenuta grazie allo screening virtuale su oltre 400mila molecole messe a disposizione da Dompé e dal Fraunhofer Institute (organizzazione tedesca che raccoglie 60 Istituti di ricerca). Tra le molecole selezionate, è stata data priorità a quelle in fase clinica o già sul mercato, come appunto raloxifene. Sono state testate 7mila molecole con caratteristiche promettenti: 100 sono risultate attive in vitro e 40 hanno dimostrato capacità di contrasto il virus su cellule animali. Tra questi, il raloxifene è emerso come la molecola più promettente: potrebbe essere efficace nel bloccare la replicazione del virus nelle cellule, e potrebbe ostacolare la progressione della malattia, in particolare nei casi di diagnosi precoce o in casi asintomatici. I ricercatori hanno indicato che i suoi vantaggi includono, Continua a leggere su: Corriere.it

Guido Crosetto dimesso dall’ospedale

(Adnkronos) - Il ministro della Difesa Guido Crosetto è stato dimesso dall'ospedale San Carlo di Nancy, dove era ricoverato da martedì scorso. Crosetto...

Incentivi auto 2024, pubblicato il decreto: il nuovo piano

(Adnkronos) - Via agli incentivi auto 2024. È stato pubblicato in data odierna in Gazzetta Ufficiale il DPCM riguardante la rimodulazione degli incentivi...

Segui Corriere Flegreo su Google News

Questo sito contribuisce alla audience di "Magazine". Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Napoli al nr. 32 del 26.04-2005. Alcuni testi citati o immagini inserite sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore vogliate comunicarlo via e-mail all'indirizzo segnalazioni@corriereflegreo.it per provvedere alla conseguente rimozione o modificazione.

error: Il contenuto è protetto!!