Sab 20 Aprile 2024

Germania, preso il Rambo della Foresta nera in fuga da 5 giorni

Notizie dal webGermania, preso il Rambo della Foresta nera in fuga da 5 giorni

Il 31enne senzatetto domenica scorsa aveva disarmato quattro agenti e si era poi rifugiato nel bosco, inseguito da 200 poliziotti, Le foto segnaletiche di Yves Rausch: il Rambo è stato catturato (Ansa) Roma, 17 luglio 2020 – Arrestato il Rambo della Foresta nera. Dopo cinque giorni di fuga, il 31enne Yves Rausch è stato catturato. Il Rambo della Foresta nera, nel corso di un controllo della polizia, aveva minacciato e poi disarmato quattro agenti di polizia, prima di sparire nella foresta. Aveva lasciato una sorta di ‘manifesto’, pubblicato dalla Bild che lo aveva definito ‘delirante’, nel quale affermava di voler “proteggere la natura”. Centinaia di uomini, coadiuvati anche da elicotteri, nel corso degli ultimi giorni erano stati impegnati nella ricerca del fuggitivo, subito ribattezzato il Rambo della foresta nera visto che proprio nella foresta si era dato alla fuga. L’uomo, senza una fissa dimora dopo essere stato sfrattato dalla sua abitazione nel piccolo centro di Oppenau, non lontano da Stoccarda, era stato descritto dalla procura come un fanatico di armi. Quando è stato arrestato dalla polizia, Yves Rausch era in possesso di quattro armi, mentre nella sua capanna sono stati trovati arco e frecce. Il Rambo tedesco nei giorni scorsi aveva lasciato in un ristorante un documento, intitolato ‘Il richiamo della natura selvaggia’ subito attribuito al fuggiasco e molto simile al manifesto di Unabomber, un professore americano che viveva in una capanna nella foresta e aveva inviato 16 lettere bomba ad università e compagnie aeree, provocando la morte di tre persone. © Riproduzione riservata Iscriviti alla community per ricevere ogni giorno la newsletter con le notizie dall’Italia e dal mondo, Continua a leggere su: Quotidiano.net

Tesla richiama quasi 4.000 Cybertruck: problema a pedale acceleratore

(Adnkronos) – Tesla sta richiamando 3.878 dei suoi Cybertruck a causa di un problema al pedale dell’acceleratore che potrebbe aumentare il rischio di incidenti,...

Caso Zuncheddu, “assolto per ragionevole dubbio su sua colpevolezza”

(Adnkronos) – Il processo di revisione “non ha condotto alla dimostrazione della certa ed indiscutibile estraneità di Beniamino Zuncheddu” alla strage di Sinnai...

Segui Corriere Flegreo su Google News

Questo sito contribuisce alla audience di "Magazine". Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Napoli al nr. 32 del 26.04-2005. Alcuni testi citati o immagini inserite sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore vogliate comunicarlo via e-mail all'indirizzo segnalazioni@corriereflegreo.it per provvedere alla conseguente rimozione o modificazione.

error: Il contenuto è protetto!!