Sab 02 Marzo 2024

Giulia Maria Crespi: Quando metteva sull'attenti politici, banchieri e industriali

Notizie dal webGiulia Maria Crespi: Quando metteva sull'attenti politici, banchieri e industriali

Non le piacevano i convenevoli, era una donna diretta e schietta. Impaziente di sentirsi dire di sì a ogni richesta che riteneva giusta, Stampa Stampa senza immagine Chiudi il rICORDO 19 luglio 2020 – 21:39 Non le piacevano i convenevoli, era una donna diretta e schietta. Impaziente di sentirsi dire di sì a ogni richesta che riteneva giusta di Ferruccio de Bortoli A Giulia Maria non piacevano i convenevoli. Era diretta, schietta. Nella sua prepotente dolcezza poteva apparire persino scortese. Impaziente di sentirsi dire di sì a ogni sua richiesta che riteneva giusta, improrogabile, definitiva. Un modo di fare autoritario nella sua semplicità (era la «zarina» secondo i detrattori che non mancarono, viste le sue simpatie politiche). A volte trattava il potente di turno come fosse il suo domestico (che peraltro considerava affettuosamente di famiglia). Ho visto ministri, banchieri, industriali di fama abilmente messi sull’attenti da una donna minuta, gracile, ma innervata da una volontà di ferro. Erano spesso ospiti della sua meravigliosa casa di corso Venezia a Milano, forse intimoriti dai Canaletto che il padre aveva acquistato per poco (invidiati dalla regina Elisabetta), dalla preziosità degli arredi di una famiglia simbolo dell’imprenditoria tessile ed editoriale lombarda. Intimoriti, imbarazzati. Il cronista annotava, con sottile godimento e ammirazione per quella donna che era – fino al 1974 – il suo editore. Ma Giulia Maria Crespi (chi scrive fu tra gli ultimi giornalisti che assunse) si è sentita editore di fatto del Corriere, del suo Corriere, fino all’ultimo. Anche se aveva scelto di investire nel principale concorrente La Repubblica, cosa che a noi procurava un certo disagio. Quando si prospettò, in una stagione managerialmente sfortunata, di cedere l’area verde del centro sportivo nella periferia milanese, testimonianza d’antan della responsabilità sociale dei Crespi (che introdussero in busta paga anche il legnatico per il riscaldamento delle case dei dipendenti) i pensionati del Corriere scrissero a lei. Come ex proprietaria e come paladina del verde. Giulia Maria, Continua a leggere su: Corriere.it

Meloni-Biden, l’incontro: crisi umanitaria a Gaza e migranti sul tavolo

(Adnkronos) – L’atmosfera è confidenziale, ‘cara Giorgia’, ‘caro Joe’. La presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha incontrato alla Casa Bianca il presidente americano...

Strage Erba, si torna in aula il 16 aprile. Il pg: “Revisione inammissibile”

(Adnkronos) – Un processo con “suggestioni mediatiche” che nell’ultimo atto perde, a sorpresa, i suoi protagonisti: prima che la pubblica accusa torni a...

Segui Corriere Flegreo su Google News

Questo sito contribuisce alla audience di "Magazine". Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Napoli al nr. 32 del 26.04-2005. Alcuni testi citati o immagini inserite sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore vogliate comunicarlo via e-mail all'indirizzo segnalazioni@corriereflegreo.it per provvedere alla conseguente rimozione o modificazione.

error: Il contenuto è protetto!!